Vai al contenuto

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano: è la quarta ondata del 2024

L’anticiclone nord-africano porta temperature record in tutta Italia. Previsti picchi fino a 42°C al Centro-Sud e sulle isole.

Italia – L’estate 2024 entra nel vivo con l’arrivo della quarta ondata di caldo africano che investirà l’Italia nei prossimi giorni. L’anticiclone subtropicale si estenderà su tutta la penisola, portando temperature ben al di sopra della media stagionale e condizioni meteorologiche stabili. Il caldo si farà sentire da Nord a Sud, con picchi particolarmente elevati nelle regioni centro-meridionali e sulle isole. Le previsioni indicano una fase di caldo intenso e prolungato, che metterà a dura prova la popolazione, soprattutto nelle grandi città.

L’avanzata dell’anticiclone africano

L’ondata di calore ha preso il via già da lunedì 8 luglio, con un progressivo aumento delle temperature su tutto il territorio nazionale. L’anticiclone nord-africano si espanderà sul bacino del Mediterraneo, portando stabilità atmosferica e un’impennata dei valori termici. Le correnti di aria calda determineranno condizioni di cielo sereno o poco nuvoloso, con temperature in costante aumento nei giorni successivi.

Picchi di temperatura e zone più colpite

Il culmine del caldo è previsto tra giovedì 11 e sabato 13 luglio, quando si raggiungeranno i valori più elevati. Nelle aree interne del Centro-Sud e sulle isole maggiori si toccheranno punte di 41-42°C. La Sicilia sarà particolarmente colpita, con possibili picchi fino a 43°C nelle zone interne. Anche la Sardegna non sarà da meno, con temperature che si avvicineranno ai 40°C.

Al Centro, città come Roma e Firenze dovranno fare i conti con massime intorno ai 37-38°C. Il Nord non sarà risparmiato: in Emilia-Romagna si prevedono punte di 36-38°C, mentre nel resto della Pianura Padana i termometri oscilleranno tra i 33 e i 35°C. Tra Venerdì e Sabato però il Nord sarà interessato da un passaggio di correnti più fredde che porteranno temporali, a che forti, che aiuteranno ad abbassare le temperature di qualche grado.

Notti tropicali e disagio notturno

Un aspetto particolarmente critico di questa ondata di calore sarà il disagio notturno. Le temperature minime faticheranno a scendere sotto i 20°C in molte località, dando luogo al fenomeno delle “notti tropicali”. Questo renderà difficile il riposo notturno e il recupero dall’afa diurna, aumentando il rischio di problemi di salute, soprattutto per le fasce più vulnerabili della popolazione.

Allerta nelle grandi città

Il Ministero della Salute ha diramato bollettini di allerta per le ondate di calore in diverse città italiane. Per martedì 9 luglio, è previsto il “bollino arancione” (livello 2 di allerta) per Frosinone, Latina, Perugia, Rieti e Roma. La situazione peggiorerà mercoledì 10, con ben 13 città in allerta arancione, tra cui Bologna, Firenze, Palermo e Trieste.

Durata dell’ondata di calore e possibili evoluzioni

Secondo le proiezioni attuali, questa fase di caldo intenso potrebbe protrarsi per gran parte del mese di luglio. L’anticiclone nord-africano sembra destinato a dominare lo scenario meteorologico italiano per diverse settimane, con solo brevi interruzioni al Nord dovute a possibili infiltrazioni di aria più fresca.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Meteo Weekend, previsioni dell’Aeronautica Militare: temporali al Nord
Iniziano a cambiare la circolazione atmosferica e la massa d’aria che insiste sul paese in questo weekend, con qualche temporale e aria meno calda in arrivo.
continua a leggere...
Terremoto Indonesia, scossa di magnitudo 5.8 a Sumatra: tutti i dettagli
Registrata scossa di Terremoto di magnitudo 5.8 con epicentro Southwest of Sumatera, Indonesia [Sea: Indonesia]: tutti i dati
continua a leggere...
Conduttori Mediaset, tra epurati e promossi a sorpresa: tutte le “novità”
Pier Silvio Berlusconi ha presentato i nuovi palinsesti Mediaset, rivelando cambiamenti significativi. Alcuni conduttori storici sono stati confermati, altri promossi, mentre alcuni volti noti sono stati esclusi.
continua a leggere...