Vai al contenuto

Indirizzi operativi e attività di Protezione Civile consentite ai volontari. Direttiva 9-11-12

Estratto della Direttiva 9-11-12 relativa alle funzioni consentite al volontariato di Protezione Civile alla loro attivazione, messa in pratica e coordinamento.

foto: Protezione Civile Emilia Romagna
foto: Protezione Civile Emilia Romagna
foto: Protezione Civile Emilia Romagna

L’attivazione delle organizzazioni e l’autorizzazione all’applicazione dei benefici normativi previsti dagli articoli 9 e 10 del Regolamento e’ finalizzata alla partecipazione delle medesime alle attivita’ di previsione, prevenzione e soccorso in caso o in vista degli eventi elencati nell’articolo 2, comma 1, della legge n. 225/1992 e alle attivita’ addestrative e formative nel medesimo campo.

L’attivazione deve contenere:

– l’evento o l’attivita’ di riferimento;
– la decorrenza;
– il termine delle attivita’ (in caso di interventi di emergenza puo’ essere specificato che essa e’ valida fino a cessata esigenza);
– le modalita’ di accreditamento dei volontari e di rilascio dei relativi attestati di partecipazione, ivi compresa l’autorita’ od il soggetto incaricato di rilasciarli; in caso di emergenza; in situazioni di emergenza, come precisato in seguito, l’individuazione del soggetto incaricato del rilascio degli attestati puo’ essere effettuata successivamente;
– l’eventuale autorizzazione all’applicazione dei benefici previsti dall’articolo 9, nei limiti temporali previsti dall’articolo 9, comma 1, mediante la quantificazione in giornate/uomo di presenza autorizzate, richiamando l’attenzione sull’esigenza di utilizzare l’apposita modulistica ufficiale, disponibile sia sul sito internet del Dipartimento della Protezione Civile che su quelli delle Regioni;
– l’eventuale autorizzazione all’applicazione dei benefici previsti dall’articolo 10, mediante la quantificazione di un apposito tetto di spesa in relazione alle tipologie di spese di cui al comma 1 del medesimo articolo o, previa specifica autorizzazione, di altre tipologie di spesa preventivamente autorizzate ai sensi del comma 3, lettera b, richiamando l’attenzione sull’esigenza di utilizzare l’apposita modulistica ufficiale, disponibile sia sul sito internet del Dipartimento della Protezione Civile che su quelli delle Regioni;
– l’indicazione della struttura alla quale devono essere indirizzate le richieste di rimborso da parte dei datori di lavoro dei volontari o delle organizzazioni di volontariato attivate, precisando che tale informazione deve essere comunicata ai datori di lavoro interessati.

L’attivazione che, in caso o in vista di situazioni di emergenza, viene disposta anche nelle vie brevi ovvero priva di uno o piu’ degli elementi suindicati, deve essere ratificata nel piu’ breve tempo possibile con l’indicazione di quanto necessario per la corretta gestione delle istruttorie conseguenti. Ove necessario, e’ possibile procedere all’accreditamento ed al rilascio dell’attestazione di partecipazione anche ai volontari che non necessitano dell’applicazione dei benefici previsti ai sensi dell’articolo 9.

2.1. Attivita’ formative ed addestrative.

Per quanto riguarda le attivita’ di pianificazione, di simulazione di emergenza e di formazione teorico-pratica, compresa quella destinata ai cittadini l’attivazione delle organizzazioni e l’autorizzazione all’applicazione dei benefici previsti dagli articoli 9 e 10 del Regolamento, secondo quanto previsto dal comma 4 dell’articolo 9 medesimo, avviene sempre a cura del Dipartimento della Protezione Civile, con oneri a carico del proprio bilancio e nel limite delle risorse all’uopo disponibili. Per attivita’ formative ed addestrative promosse a livello locale, le Regioni interessate possono concorrere con proprie risorse alla parziale copertura dei costi preventivati.

Le organizzazioni iscritte nell’elenco centrale possono rivolgere istanza direttamente al Dipartimento della Protezione Civile, secondo le procedure vigenti (3). Le sezioni locali e le articolazioni territoriali delle organizzazioni iscritte nell’elenco centrale possono presentare istanza solo per il tramite delle rispettive strutture nazionali, informando contestualmente le strutture di Protezione Civile della Regione di appartenenza. Il rispetto delle procedure vigenti e, in particolare, l’obbligo di presentare la relazione finale dell’attivita’ formativa o addestrativa, sara’ considerato come elemento di valutazione in caso di presentazione di proposte per l’organizzazione di ulteriori attivita’ della medesima natura.

Le organizzazioni iscritte negli elenchi territoriali che intendano promuovere attivita’ formative o addestrative a livello locale possono presentare istanza solo per il tramite delle rispettive Regioni, ovvero per il tramite degli Enti locali ove a cio’ espressamente delegati ai sensi della normativa regionale vigente.
Al fine di garantire una compiuta individuazione delle spese ammissibili ed una omogenea quantificazione delle medesime, il Dipartimento della Protezione Civile e le Regioni stabiliscono preventivamente, per quanto di rispettiva competenza, le necessarie procedure.

2.2. Attivita’ ed interventi in vista o in caso di emergenze o altri eventi.

Per quanto riguarda le attivita’ di previsione, prevenzione e soccorso in caso o in vista degli eventi di rilievo nazionale di cui alla lettera c) del richiamato articolo 2, comma 1, della legge n. 225/1992, ivi compresi gli interventi all’estero, l’attivazione delle organizzazioni iscritte nell’elenco centrale e di quelle iscritte negli elenchi territoriali (queste ultime per il tramite delle strutture di Protezione Civile delle Regioni e delle Province Autonome) e l’autorizzazione all’applicazione dei benefici previsti dagli articoli 9 e 10 del Regolamento avviene a cura del Dipartimento della Protezione Civile, con oneri a carico del proprio bilancio e nel limite delle risorse all’uopo disponibili, ovvero, in caso di eventi per i quali sia stato dichiarato lo stato di emergenza, nel limite delle risorse finanziarie specificamente stanziate.

Per quanto riguarda le attivita’ di previsione, prevenzione e soccorso in caso o in vista degli eventi di rilievo regionale o locale di cui alle lettere a) e b) del richiamato articolo 2, comma 1, secondo quanto previsto dall’articolo 15 del Regolamento, l’attivazione delle organizzazioni iscritte negli elenchi territoriali e l’autorizzazione all’applicazione dei benefici normativi previsti dagli articoli 9 e 10 del Regolamento avviene a cura delle strutture di Protezione Civile delle Regioni territorialmente competenti e con oneri a carico dei rispettivi bilanci, nel limite delle risorse all’uopo stanziate, ovvero a carico delle risorse che, a titolo di compartecipazione, il Dipartimento della Protezione Civile potra’ trasferire, nell’ambito delle proprie disponibilita’ di bilancio da quantificare sulla base delle attivazioni effettivamente disposte negli anni precedenti.

2.2.1. Attività ed interventi di rilievo nazionale o internazionale.

L’attivazione delle organizzazioni iscritte nell’elenco centrale e – per il tramite delle strutture di Protezione Civile delle Regioni – delle organizzazioni iscritte negli elenchi territoriali per attivita’ ed interventi di rilievo nazionale o internazionale e’ disposta dal Dipartimento della Protezione Civile. Tale attivazione puo’ essere disposta su autonoma iniziativa del Dipartimento della Protezione Civile, ovvero su richiesta delle autorita’ regionali e locali di Protezione Civile.
L’eventuale coinvolgimento in attivita’ di rilievo nazionale od internazionale dei volontari appartenenti ai Corpi dei Vigili del Fuoco Volontari dei Comuni e delle province Autonome di Trento e di Bolzano, ad al Corpo Valdostano dei Vigili del Fuoco, avviene per il tramite della Regione competente, anche in riferimento a quanto precisato al paragrafo precedente in relazione alle rispettive regole di autonomia. L’eventuale applicazione dei benefici previsti dagli articoli 9 e 10 del decreto del Presidente della Repubblica n. 194/2001, con oneri a carico del Dipartimento della Protezione Civile, avviene nell’ambito delle disponibilita’ di bilancio alle scopo destinate.

2.2.2. Attivita’ ed interventi di rilievo locale e regionale

L’attivazione delle organizzazioni iscritte negli elenchi territoriali per attivita’ ed interventi di rilievo locale e regionale, in conformita’ a quanto previsto dall’articolo 9, comma 1, del Regolamento e’ disposta dalla competente autorita’ locale o regionale di Protezione Civile.
L’autorizzazione all’applicazione dei benefici previsti dagli articoli 9 e 10 del Regolamento e’ disposta dalla Regione territorialmente competente.
Qualora l’attivazione sia disposta da un’autorita’ locale di Protezione Civile diversa dalla Regione (Prefettura, Provincia – ad eccezione di Trento e di Bolzano -, Comune), nel rispetto dell’ordinamento vigente nel territorio interessato, l’eventuale richiesta di autorizzazione all’applicazione dei benefici normativi deve essere rivolta in via preventiva, anche per le vie brevi, alla Regione territorialmente competente anche per consentire la quantificazione dei relativi oneri ed assicurarne la disponibilita’. La disciplina delle relative procedure e’ rimessa alle singole Regioni.

2.3. Casi particolari – Specifiche tipologie di eventi di rilievo regionale o locale

Sulla base dell’analisi delle questioni trattate negli ultimi anni si ritiene opportuno fornire indicazioni specifiche relativamente a due specifiche tipologie di eventi di rilievo regionale o locale:
– eventi diversi dalle emergenze che, seppure concentrati in ambito territoriale limitato, possono comportare un rilevante impatto con possibili rischi per la pubblica e privata incolumita’ (eventi a rilevante impatto locale);
– attivita’ di ricerca di persone disperse al di fuori dei contesti previsti dalla legge n. 225/1992 e in ambiente diverso da quello montano o impervio.
In occasione di tali eventi, l’eventuale applicazione dei benefici normativi previsti dagli articoli 9 e 10 del Regolamento avviene secondo le modalita’ indicate al precedente paragrafo 2.2.2.

2.3.1. Eventi a rilevante impatto locale

La realizzazione di eventi che seppure circoscritti al territorio di un solo comune, o di sue parti, possono comportare grave rischio per la pubblica e privata incolumita’ in ragione dell’eccezionale afflusso di persone ovvero della scarsita’ o insufficienza delle vie di fuga possono richiedere l’attivazione, a livello comunale, del piano di Protezione Civile, con l’attivazione di tutte o parte delle funzioni di supporto in esso previste e l’istituzione temporanea del Centro Operativo Comunale (C.O.C.). In tali circostanze e’ consentito ricorrere all’impiego delle organizzazioni di volontariato di Protezione Civile, che potranno essere chiamate a svolgere i compiti ad esse affidati nella summenzionata pianificazione comunale, ovvero altre attivita’ specifiche a supporto dell’ordinata gestione dell’evento, su richiesta dell’Amministrazione Comunale.
L’attivazione del piano comunale di Protezione Civile e l’istituzione del C.O.C. costituiscono il presupposto essenziale in base al quale l’Amministrazione Comunale puo’ disporre l’attivazione delle organizzazioni iscritte nell’elenco territoriale ed afferenti al proprio Comune nonche’, ove necessario, avanzare richiesta alla Regione territorialmente competente per l’attivazione di altre organizzazioni provenienti dall’ambito regionale e per l’autorizzazione all’applicazione dei benefici normativi previsti dagli articoli 9 e 10 del Regolamento. In tale contesto sara’ necessario anche determinare con chiarezza il soggetto incaricato del coordinamento operativo delle organizzazioni di volontariato.
In considerazione della particolarita’ dell’attivita’ di cui trattasi, si raccomanda di contenere il numero delle autorizzazioni all’applicazione dell’articolo 9 ai soli casi strettamente necessari per l’attivazione del piano di Protezione Civile comunale. L’attivazione della pianificazione comunale non deve interferire con le normali procedure previste da altre normative di settore in relazione alle modalita’ di autorizzazione e svolgimento di eventi pubblici.
Qualora l’evento sia promosso da soggetti diversi dall’Amministrazione Comunale e aventi scopo di lucro, permanendo le condizioni oggettive di rischio sopra richiamate, l’attivazione della pianificazione comunale ed il coinvolgimento delle organizzazioni dell’area interessata e’ consentito, avendo tuttavia cura che i soggetti promotori concorrono alla copertura degli oneri derivanti dall’eventuale applicazione dei benefici previsti dagli articoli 9 e 10 del Regolamento.

2.3.2. La ricerca di persone disperse

La ricerca di persone disperse in contesti di cui all’articolo 2, comma 1, lettere a), b) e c), della legge 24 febbraio 1992, n. 225, cosi’ come modificata dal decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, convertito, con modificazioni dalla legge 12 luglio 2012, n. 100, rientra direttamente tra le attivita’ di Protezione Civile. Tutte le attivita’ connesse alla ricerca di persone disperse al di fuori dei contesti sopraindicati, al contrario, non rientrano direttamente tra le attivita’ di Protezione Civile previste e disciplinate dalla legge n. 225/1992.
La ricerca di persone disperse in ambiente montano, ipogeo o impervio (intendendosi per ambiente impervio quelle porzioni del territorio che, per ragioni geomorfologiche o ambientali non siano esplorabili in sicurezza senza adeguato equipaggiamento ed attrezzatura alpinistica e relativa preparazione), e’ specificamente disciplinata dalla legge 21 marzo 2001, n. 74, articolo 1, comma 2 e dalla legge 27 dicembre 2002, n. 289 articolo 80, che ne incardina le funzioni di coordinamento sul Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico, nel quadro delle competenze assegnate al Club Alpino Italiano dalla legge 26 gennaio 1963, n. 91.
Le attivita’ di soccorso in ambiente acquatico che possono qualificarsi come ricerca di persone disperse, sono da ricondurre all’articolazione delle competenze normative vigenti, sia per quanto riguarda l’ambiente marino, dove la responsabilita’ del coordinamento degli interventi e’ attribuita al Corpo delle Capitanerie di Porto, sia per quanto riguarda le acque interne, ove operano piu’ autorita’ diversamente articolate sul territorio nazionale. In quest’ultimo caso, per l’eventuale ricerca conseguente al verificarsi di eventi calamitosi di natura franosa o alluvionale, il coinvolgimento delle organizzazioni di volontariato si colloca nel piu’ generale ambito dell’intervento relativo alla specifica emergenza e dovra’ articolarsi con riferimento alle strutture e modalita’ di coordinamento operativo stabilite nel caso specifico.
La ricerca di persone disperse in ambiente diverso da quello montano, impervio o ipogeo, ovvero – con le specificazioni suindicate, in ambiente acquatico, non risulta, al momento attuale, oggetto di una specifica ed organica disciplina. In questo caso puo’ accadere che le autorita’ competenti possano richiedere il concorso nelle ricerche di persone disperse dei sistemi locali di Protezione Civile. Tale richiesta di concorso puo’ essere rivolta anche allo scopo di mobilitare le organizzazioni di volontariato, con particolare riferimento a quelle in possesso di unita’ cinofile addestrate per la ricerca in superficie.
L’attivazione delle organizzazioni per il concorso in questa tipologia di attivita’ e’ quindi consentita a condizione che:
– la richiesta di concorso sia formalmente avanzata da parte di un’autorita’ competente (Amministrazione Comunale, Provincia, Prefettura, Forze dell’Ordine, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco), che si assumera’ la responsabilita’ del coordinamento di tutte le attivita’, raccordandosi con la struttura di Protezione Civile comunale, provinciale o regionale per le opportune direttive ed indicazioni operative da fornire alle organizzazioni di volontariato attivate; tra i compiti dell’autorita’ competente cosi’ individuata rientra anche quello della ricognizione dei volontari presenti, del rilascio delle attestazioni di partecipazione, ai fini dell’erogazione dei rimborsi previsti, e della comunicazione di tutti dati informativi predetti alla Regione competente;
– la richiesta di concorso sia rivolta alla struttura di Protezione Civile Comunale, Provinciale o Regionale territorialmente competente, in ragione della gravita’ dell’esigenza, e solo in casi di estrema urgenza sia indirizzata direttamente alle organizzazioni presenti nel territorio interessato; in tali casi, dovra’ comunque essere tempestivamente informata la struttura di Protezione Civile della Regione o Provincia Autonoma competente;
– la struttura di Protezione Civile locale o regionale alla quale e’ rivolta la richiesta si assuma l’onere di individuare ed attivare le organizzazioni utili all’esigenza, rapportandosi con l’autorita’ richiedente per garantire il necessario supporto all’intervento. In caso di urgenza la formalizzazione della richiesta di concorso potra’ avvenire anche in un momento successivo, a ratifica, ma si dovra’ aver cura che l’individuazione dell’autorita’ responsabile delle ricerche sia sufficientemente chiara fin dall’avvio degli interventi, onde evitare duplicazioni di funzioni o incertezza nella conduzione delle attivita’ di ricerca.

Fonte: Direttiva del 9 novembre 2012: indirizzi operativi per assicurare l’unitaria partecipazione delle organizzazioni di volontariato all’attività di protezione civile

>> LE FUNZIONI VIETATE AL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE  

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Allerta Meteo Protezione Civile, Allerta Gialla per Temporali Forti: elenco regioni in allerta
Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso per domani, martedì 28 maggio una Allerta Meteo per temporali forti: ecco le regioni in allerta.
continua a leggere...
Allerta Meteo Abruzzo, Allerta Gialla Temporali per domani mercoledì 28 maggio
La Protezione Civile della Regione Abruzzo ha emesso una Allerta Meteo Gialla per Rischio Temporali forti per la giornata di Mercoledì 28 Maggio 2024.
continua a leggere...
Allerta Meteo Areonautica Militare, Forti Temporali in 3 regioni: tutti i dettagli
Maltempo, emesso dal Servizio Meteorologico dell’Areonautica Militare un Avviso Fenomeni Intensi per le prossime ore. Ecco le regioni e le aree in allerta.
continua a leggere...