Vai al contenuto

Scuola, Valditara: “Stop all’uso di smartphone ad elementari e medie”

Il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, annuncia nuove linee guida che vietano l’uso di smartphone e tablet nelle scuole elementari e medie.

Kids taking selfie with mobile phone on school terrace Credit © Depositphotos

Roma, Italia – Il ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, ha annunciato l’introduzione di nuove linee guida che impediscono l’uso di smartphone e tablet nelle scuole elementari e medie, anche a fini didattici; la decisione è stata presa con l’obiettivo di fermare non solo l’uso improprio di smartphone a scuole ma anche con l’intento di riportare in classe il rispetto per il corpo docente e non docente.

Valditara ha sottolineato l’importanza di difendere il corpo docente e il principio di delega e autorità, fondamentali per il sistema scolastico e democratico. “Difendere il corpo docente significa difendere il principio di delega e di autorità che è l’architrave non solo del sistema scolastico, ma anche del sistema democratico”

Durante l’intervista rilasciata al quotidiano “Il Foglio” il Ministro Valditara ha ricordato le raccomandazioni dell’Unesco, che mettono in luce come l’uso eccessivo o inappropriato di smartphone possa distrarre gli studenti, influenzare negativamente la loro performance accademica, alimentare la tensione con gli insegnanti e avere un impatto negativo sulla loro memoria, concentrazione e attività formativa.

La decisione presa dal Ministro dell’Istruzione segue quanto già fatto da altre nazioni europee come Francia, Svezia, Finlandia e Olanda che hanno già adottato divieti simili ottenendo buoni risultati.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Treviso, studenti musulmani esentati dalle lezioni su Dante. I genitori: “Offende l’Islam”
Due studenti musulmani esentati dallo studio di Dante Alighieri per motivi religiosi. Il Ministero dell'Istruzione ha avviato una indagine.
continua a leggere...
Pertosse, da gennaio +800% di bimbi ricoverati e tre morti
Da gennaio 2024, si è registrato un aumento significativo dei casi di pertosse, con numerosi ricoveri e anche tre decessi tra i bambini: autorità sanitarie in allerta.
continua a leggere...
Pronto soccorso in crisi, mancano 4.500 medici e 10.000 infermieri
La sanità italiana è in grave difficoltà a causa della carenza di personale nei pronto soccorso. Mancano 4.500 medici e 10.000 infermieri, mettendo a rischio la qualità e la tempestività delle cure.
continua a leggere...