Vai al contenuto

Pericolo Dengue in Italia, tra rischi e prevenzione

La Dengue, malattia virale trasmessa da zanzare, registra un aumento di casi autoctoni in Italia, sollevando preoccupazioni sulla sua diffusione e sulle misure di prevenzione necessarie.

La Dengue, nota anche come “febbre rompiossa”, è una malattia virale trasmessa all’uomo principalmente dalle zanzare del genere Aedes, in particolare Aedes aegypti e Aedes albopictus. Quest’ultima, meglio conosciuta come zanzara tigre, è presente anche in Italia e rappresenta un vettore per la trasmissione del virus Dengue. Negli ultimi anni, l’Italia ha registrato un aumento significativo di casi autoctoni di Dengue, sollevando preoccupazioni sulla sua diffusione e sulle misure di prevenzione necessarie.

Nel 2023, l’Italia ha confermato 81 casi di Dengue trasmessi localmente, distribuiti in diverse province, tra cui Lodi, Latina e Roma1. Questi dati indicano che il virus non solo è entrato nel territorio nazionale ma si è anche diffuso localmente, sottolineando l’importanza di una sorveglianza attiva e di misure di prevenzione efficaci.

Periodo di maggiore rischio e sintomi

Il periodo di maggiore attività vettoriale, e quindi di rischio di trasmissione della Dengue in Italia, va dal 1 giugno al 31 ottobre. I sintomi della malattia possono variare da forme lievi, che includono febbre alta, mal di testa, dolori muscolari e articolari, a forme più gravi come la Dengue emorragica, che può essere fatale. La maggior parte delle persone infette, tuttavia, recupera senza complicazioni gravi.

Prevenzione e trattamento

Non esiste un trattamento specifico per la Dengue, ma il dolore e la febbre possono essere gestiti con farmaci come il paracetamolo. È fondamentale evitare l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei, come l’aspirina, che possono aumentare il rischio di sanguinamento. La prevenzione si basa principalmente sull’eliminazione dei siti di riproduzione delle zanzare e sull’uso di repellenti e zanzariere.

Vaccinazione

Recentemente, l’Italia ha approvato l’uso di un vaccino contro la Dengue, disponibile presso l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. Il vaccino è destinato a individui che hanno già avuto la Dengue, al fine di prevenire reinfezioni.

L’aumento dei casi autoctoni di Dengue in Italia richiede un’attenzione maggiore verso le misure di prevenzione e controllo delle zanzare. La disponibilità di un vaccino rappresenta un passo importante nella lotta contro questa malattia. Tuttavia, la prevenzione rimane la strategia più efficace, insieme a una sorveglianza epidemiologica costante per monitorare la diffusione del virus e intervenire tempestivamente.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

METEO, PREVISIONI PER MARTEDÌ 28 MAGGIO: INSTABILITÀ DA NORD A SUD
Giornata caratterizzata da variabilità atmosferica con piogge e schiarite su tutta la penisola.
continua a leggere...
Meteo, previsioni per Martedì 28 Maggio: temporali al Centro Nord sole al Sud
Ancora qualche temporale al Nord in estensione al centro e a parte del Sud. Sulle isole maggiori invece sole e temperature in rialzo. Ecco le previsioni meteo per martedì 28 maggio.
continua a leggere...
Terremoto Campania, scossa di magnitudo 3.0 a Ricigliano: tutti i dettagli
Registrata scossa di Terremoto di magnitudo 3.0 con epicentro 4 km N Ricigliano (SA): tutti i dati
continua a leggere...