Vai al contenuto

Freddo in Italia, riscaldamenti accesi fuori stagione: orari e limiti città per città

Un’ondata di freddo inaspettata ha colpito l’Italia, portando i comuni a prorogare l’uso dei riscaldamenti oltre i limiti stagionali: ecco fino a quando.

L’Italia è stata sorpresa da un’ondata di freddo che ha costretto molti italiani a riaccendere i riscaldamenti, nonostante la stagione primaverile fosse già iniziata. Questo cambiamento improvviso delle condizioni meteorologiche ha spinto diversi comuni del Nord Italia a emettere ordinanze che autorizzano la riaccensione dei termosifoni, al fine di garantire il benessere termico dei cittadini.

A Torino, ad esempio, è stata concessa la possibilità di accendere gli impianti di riscaldamento per un massimo di sette ore al giorno, tra le 5 e le 23, con l’obbligo di non superare i 19 gradi per gli edifici privati e i 18 per gli edifici pubblici. Anche altre città, come Moncalieri, Alessandria, Biella, Alba, Casale Monferrato e Novi Ligure, hanno adottato misure simili, permettendo l’accensione dei riscaldamenti per un massimo di 7 ore giornaliere.

La situazione non è stata diversa a Novara, dove le temperature sono scese ben al di sotto della media stagionale, inducendo il Comune a dare il via libera all’accensione facoltativa dei termosifoni per tutte le categorie di edifici, sempre nel rispetto del limite massimo di 7 ore giornaliere.

Milano ha seguito l’esempio, autorizzando l’accensione facoltativa degli impianti termici per la climatizzazione invernale per tutte le categorie di edifici, per un limite massimo di 7 ore giornaliere.

A Brescia la proroga per i termosifoni è fino al 6 maggio, mentre a Rho e Bollate si potranno accendere per massimo sette ore tra le 5 e le 23 fino al 6 maggio. A Bergamo l’accensione, prevista dal 25 ottobre 2023 fino al 15 aprile 2024, prevede una possibile proroga per un massimo di 7 ore al giorno in caso di abbassamento delle temperature.

A Venezia il riscaldamento potrà essere riacceso da martedì 23 fino a domenica 28 aprile per un limite massimo di 14 ore giornaliere.

A Verona i sistemi di riscaldamento si potranno riaccendere fino al 30 aprile per un massimo di 7 ore al giorno con la temperatura massima fissata a 19°C.

Consentita l’accensione degli impianti anche a Udine e Pordenone fino al 28 aprile per un masimo di 7 ore al giorno. A Pavia impianti accesi fino al 1° Maggio come anche a Chieti mentre a Genova e Livorno fino al 30 Aprile.

Se a Bologna, Parma, L’Aquila lo stop del riscaldamento è stato prorogato al 29 Aprile a Siena e Firenze si potrà accendere gli impianti fino al 30 Aprile.

Queste misure straordinarie sono state adottate in risposta all’emergenza freddo che ha colto di sorpresa la popolazione, dopo che i primi tepori estivi avevano già fatto sperare in un definitivo cambio di stagione. La decisione di prorogare l’uso dei riscaldamenti è stata presa per garantire il comfort abitativo e prevenire eventuali problemi di salute legati alle basse temperature.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Oroscopo del giorno: le previsioni di Venerdì 21 Giugno 2024 segno per segno
Inizia una nuova giornata piena di sorprese! Sei curioso di sapere cosa potrebbe riservarti il destino oggi? Non perdere le previsioni dell'oroscopo di Venerdì 21 Giugno 2024 a cura di Newsroom.
continua a leggere...
Allerta Meteo, Temporali Forti al Nord: tutti gli aggiornamenti
Forte ondata di maltempo in arrivo sulle Regioni del Nord Italia. Rischio Temporali Forti con Grandine di Grandi Dimensioni e Forti Raffiche di Vento: tutti i dettagli.
continua a leggere...
Allerta Meteo Protezione Civile, Allerta Temporali Forti in 8 regioni: ecco quali
In arrivo piogge e temporali al Nord. La Protezione Civile ha emesso una Allerta Meteo per Temporali Forti, Grandine e Vento Forte: ecco le regioni coinvolte.
continua a leggere...