Vai al contenuto

Pentagono, Stati Uniti sono pronti a difendere il territorio della Nato

Dopo l’incursione del missile russo sul territorio della Polonia il Pentagono dichiara che gli Stati Uniti sono pronti a difendere ogni centimetro della Nato.

Continua a salite la tensione tra la Russia e la Nato, in risposta alle ultime dichiarazioni del Cremlino il Pentagono ha dichiarato che “gli Stati Uniti sono pronti ad adempiere ai propri obblighi di protezione dei Paesi Nato“, compresi gli attacchi missilistici russi che potrebbero minacciare la Polonia.

La vice portavoce del Pentagono Sabrina Singh ha sottolineato che “Posso dirvi quello che questa amministrazione ha detto più e più volte: Difenderemo ogni centimetro della Nato. Se un alleato della Nato dovesse essere attaccato, certamente non vorremmo che ciò accadesse, ma difenderemo ogni centimetro della Nato”

Le parole della vice portavoce del Pentagono arrivano a poche ora di distanza dalle dichiarazioni del viceministro degli Esteri polacco, Andrzej Szejna che in un’intervista a radio RMF24 aveva evidenziato che si sta valutando la possibilità di abbattere i missili che violassero il territorio della Nato.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Allerta Meteo ESTOFEX, Nuovo Allarme per Grandine di Grandi Dimensioni e Forti Raffiche di Vento: ecco dove
ESTOFEX ha emesso una Nuova Allerta di Livello 1 per il Nord Italia prevedendo nubifragi, grandine di grandi dimensioni, raffiche di vento e possibili tornado: tutti i dettagli.
Credit © Unsplash
continua a leggere...
Kristoffersen, la NATO ha solo 2 anni per prepararsi a un attacco russo
Il capo delle forze armate norvegesi, Generale Eirik Kristoffersen, ha avvertito che la NATO ha solo due o tre anni per prepararsi a un possibile attacco convenzionale da parte della Russia. Questo avvertimento sottolinea l'urgenza di rafforzare le difese dell'alleanza.
Credit © Dvids Hub
continua a leggere...
Il discorso di Giacomo Matteotti del 30 maggio 1924
Ecco il discorso integrale di Giacomo Matteotti del 30 maggio 1924 alla Camera dei Deputati.
continua a leggere...