Vai al contenuto

Covid, l’uso di idrossiclorochina potrebbe aver causato 17mila morti

Durante la pandemia da Covid-19, l’uso off-label dell’idrossiclorochina è stato associato a migliaia di morti. Nuovi studi rivelano un aumento del tasso di mortalità.

L’uso dell’idrossiclorochina, un farmaco antimalarico, durante la pandemia da Covid-19 ha suscitato un dibattito acceso. La molecola è stata proposta come possibile cura miracolosa da alcuni professionisti sanitari e sostenuta da figure politiche di rilievo, tra cui il presidente francese Emmanuel Macron e l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Tuttavia, un nuovo studio condotto da ricercatori francesi ha sollevato importanti interrogativi sull’efficacia e sugli effetti collaterali di questa terapia.

Durante la pandemia, l’uso off-label dell’idrossiclorochina è stato associato a quasi 17.000 morti in sei Paesi, sollevando preoccupazioni sulla sua sicurezza ed efficacia nel trattamento del Covid-19. Mentre alcuni professionisti sanitari hanno promosso l’uso di questo farmaco, molti esperti della salute hanno manifestato dubbi circa la sua efficacia a causa della mancanza di prove scientifiche a supporto.

L’autorizzazione all’uso di emergenza dell’idrossiclorochina rilasciata dall’Agenzia statunitense del farmaco è stata successivamente revocata a causa dei gravi effetti collaterali, tra cui anomalie del ritmo cardiaco. Inoltre, un nuovo studio condotto da ricercatori francesi ha rilevato che l’uso dell’idrossiclorochina è stato associato a un aumento dell’11% del tasso di mortalità, con un numero stimato di decessi di circa 240 in Belgio, 199 in Francia, 1.822 in Italia e 1.895 in Spagna durante un breve periodo di analisi.

Tuttavia, i ricercatori stessi hanno avvertito che i risultati devono essere considerati con cautela a causa delle limitazioni dello studio, inclusa la mancanza di dati completi relativi all’esposizione al farmaco. Pertanto, si è concluso che è necessaria una stretta regolamentazione dell’accesso alle prescrizioni off-label durante le future pandemie.

Questi risultati gettano luce su un dibattito cruciale riguardante l’uso off-label dei farmaci e la necessità di basare le decisioni terapeutiche su prove scientifiche solide. Mentre l’idrossiclorochina è stata inizialmente promossa come una soluzione potenziale, i dati emergenti sollevano domande importanti sulla sua sicurezza e efficacia nel contesto della pandemia da Covid-19. È evidente che la ricerca accurata e l’analisi critica dei dati sono fondamentali per guidare le decisioni terapeutiche durante situazioni di emergenza come la pandemia attuale.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Covid, addio al bollettino: si chiude un’epoca
Il Ministero della Salute ha annunciato la fine della pubblicazione del bollettino sui casi di Covid-19. Questa decisione segna la conclusione di un'era iniziata con l'emergenza sanitaria nel 2020.
continua a leggere...
Covid, Codacons: “Vinta causa per danno da vaccino AstraZeneca”
Il Codacons ha ottenuto un risarcimento per un cittadino danneggiato dal vaccino AstraZeneca, che contemporaneamente ritira il suo vaccino Vaxzevria a livello mondiale.
Credit © Ed Us - Unsplash
continua a leggere...
Covid, AstraZeneca ritira il suo vaccino in tutto il mondo
AstraZeneca ha annunciato il ritiro globale del suo vaccino COVID-19, Vaxzevria, citando una sovrabbondanza di vaccini aggiornati e la diminuzione della domanda.
continua a leggere...