Vai al contenuto

Auto Elettriche, l’Arabia Saudita a capo della disinformazione

L’Arabia Saudita ostacola la transizione alle auto elettriche, influenzando il panorama globale dell’energia. Scopri come il suo ruolo influisce sul futuro dell’ambiente e dei trasporti.

Credit © Myenergi

L’Arabia Saudita si pone come ostacolo nella transizione verso le auto elettriche, rallentando così il percorso verso un futuro a basse emissioni. Durante il recente summit delle Nazioni Unite in Egitto, il paese ha espresso la sua opposizione a una dichiarazione voluta per ridurre il consumo di petrolio. Questa mossa ha evidenziato il suo forte impegno a proteggere il settore del petrolio, spingendosi oltre nell’opporre qualsiasi iniziativa che potrebbe minare il suo ruolo globale come fornitore principale di petrolio.

Inoltre, l’Arabia Saudita ha dimostrato il suo sostegno al settore automobilistico tradizionale investendo in modo significativo per rallentare l’adozione delle auto elettriche. Il paese ha destinato ben 2,5 miliardi di dollari in un arco di dieci anni per finanziare ricerche volte a contrastare lo sviluppo delle auto elettriche. Questi sforzi includono il finanziamento di studi sulle auto a combustione interna, suggerendo una chiara intenzione di prolungare la vita di questa tecnologia, nonostante il trend globale verso la mobilità sostenibile.

L’Arabia Saudita ha anche investito considerevoli risorse finanziarie in attività di lobbying negli Stati Uniti, spendendo oltre 140 milioni di dollari per influenzare l’opinione pubblica e le politiche contro le auto elettriche. Queste iniziative mirano a creare un ambiente ostile per la transizione verso veicoli a zero emissioni, mantenendo così il primato delle auto a combustione interna.

Il principale obiettivo dietro queste azioni è chiaramente quello di rallentare l’adozione delle auto elettriche, soprattutto negli Stati Uniti, un mercato di rilevanza strategica. L’Arabia Saudita ha adottato strategie mirate, come il finanziamento di progetti volti a prolungare la vita delle auto a combustione interna e lo sviluppo di carburanti sostenibili, con l’intento di mantenere intatta la domanda di petrolio e garantire un’ulteriore diffusione delle auto tradizionali.

In un periodo in cui l’urgenza di ridurre le emissioni nocive è diventata sempre più evidente, l’atteggiamento dell’Arabia Saudita solleva interrogativi importanti sulla volontà condivisa di affrontare il cambiamento climatico e sottolinea le sfide nel tentativo di muoversi verso un futuro più sostenibile. Mentre il resto del mondo si sta impegnando a ridurre l’impatto ambientale, la posizione dell’Arabia Saudita potrebbe avere delle ripercussioni significative sulle iniziative globali volte alla riduzione delle emissioni di carbonio e sulla transizione verso una mobilità più pulita.

In conclusione, la posizione dell’Arabia Saudita riflette il conflitto tra gli interessi economici a breve termine e la necessità di affrontare il cambiamento climatico, mettendo in luce le sfide globali che emergono nell’equilibrio tra la crescita economica e la sostenibilità ambientale.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Incentivi auto, i nuovi ecobonus dal 3 giugno: ecco come ottenerli
Dal 3 giugno sarà possibile presentare le domande per i nuovi ecobonus auto. Ecco tutte le informazioni necessarie per accedere agli incentivi e le modalità di richiesta.
Credit © Myenergi
continua a leggere...
Incentivi Auto 2024, arriva il decreto: fino a 13.750 Euro per le Elettriche
Finalmente pubblicato il tanto atteso decreto che introduce nuovi incentivi per l'acquisto di auto elettriche e a basse emissioni. Sconti fino a 13.750 euro per l'acquisto di veicoli elettrici a partire da domani.
Credit © Myenergi
continua a leggere...
Unione Europea, dazi sull’importazione di auto elettriche cinesi
La Commissione europea annuncia l'imposizione di dazi sulle auto elettriche cinesi, in risposta ai sussidi statali che alterano la concorrenza.
Credit © Myenergi
continua a leggere...