Vai al contenuto

Cittadinanze, Eurostat: l’Italia è il Paese europeo che ne ha concesse di più

L’Italia si conferma il Paese europeo che ha concesso il maggior numero di cittadinanze nel 2022, con un incremento significativo rispetto all’anno precedente. Tra le nazionalità più rappresentate figurano albanesi, marocchini e rumeni.

Nel panorama europeo, l’Italia si distingue per essere il Paese che, nel 2022, ha concesso il maggior numero di cittadinanze, superando di gran lunga gli altri Stati membri dell’Unione Europea. Secondo i dati Eurostat, sono state 213.716 le persone a ricevere la cittadinanza italiana, segnando un incremento del 76% rispetto al 2021, quando i nuovi cittadini italiani erano stati 121.457. Questo dato pone l’Italia al centro di un dibattito critico riguardante le politiche di integrazione e i criteri di concessione della cittadinanza.

Il confronto con altri Paesi europei evidenzia una tendenza italiana particolarmente generosa: nel 2022, la Spagna ha concesso 181.581 cittadinanze e la Germania 166.640, posizionandosi rispettivamente al secondo e terzo posto nella classifica europea. Tuttavia, è l’Italia a registrare il maggiore aumento di cittadinanze concesse ai residenti con cittadinanza non italiana (CNI), con un +92.200 rispetto all’anno precedente.

Analizzando le nazionalità dei nuovi cittadini italiani, emerge un quadro variegato: albanesi (38.000), marocchini (31.000) e rumeni (16.000) rappresentano il 40% delle acquisizioni totali. Seguono cittadini provenienti da Brasile, India, Bangladesh e Pakistan, con un totale di 20.000 nuove acquisizioni. È interessante notare come, in termini relativi, siano stati registrati aumenti significativi per argentini, brasiliani, moldavi e ucraini, con le acquisizioni di cittadinanza più che raddoppiate rispetto al 20211.Questi dati sollevano questioni critiche riguardo le politiche di integrazione e i criteri di concessione della cittadinanza in Italia.

Se da un lato l’apertura dimostrata dall’Italia può essere vista come un segno di inclusività e di riconoscimento del contributo degli immigrati alla società italiana, dall’altro lato emerge la necessità di una riflessione approfondita sulle modalità di integrazione dei nuovi cittadini e sulle politiche di accoglienza.

La concessione della cittadinanza, infatti, non dovrebbe essere vista solo come un atto burocratico, ma come il culmine di un percorso di integrazione effettiva, che comprende l’accesso ai diritti civili, l’istruzione, l’occupazione e la partecipazione attiva alla vita sociale e politica del Paese.

In questo contesto, è fondamentale che l’Italia continui a lavorare su politiche di integrazione efficaci, che favoriscano non solo l’acquisizione della cittadinanza, ma anche un reale senso di appartenenza e di partecipazione alla comunità italiana.In conclusione, i dati Eurostat del 2022 confermano l’Italia come il Paese europeo che ha concesso il maggior numero di cittadinanze, ponendo l’accento sulle sfide e le opportunità legate all’integrazione dei nuovi cittadini.

È essenziale che le politiche adottate siano in grado di garantire un equilibrio tra inclusività e coesione sociale, affrontando in modo critico e costruttivo le dinamiche di un mondo sempre più globalizzato e interconnesso

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Allerta Meteo Protezione Civile, Allerta Gialla per Temporali in 8 regioni: tutti i dettagli
Allerta Gialla per Rischio Temporali, Rischio Idrogeologico e Rischio Idraulico su otto regioni: tutti i dettagli e le aree in allerta
continua a leggere...
Allerta Meteo Aeronautica Milite, Forte Maltempo in 5 Regioni: tutti i dettagli
Ondata di maltempo in arrivo al Nord Italia e Temperature Elevate al Sud L’Aeronautica Militare Italiana ha emesso un avviso meteo per fenomeni intensi: tutti i dati
continua a leggere...
Allerta Meteo, Domenica Temporali Forti su molte aree del Nord: tutti i dettagli
Temporali Forti con rischio di Grandine di grosse dimensioni e raffiche di vento in molte aree del Nord e del Centro: tutte le allerte meteo e le aree a rischio.
continua a leggere...