Vai al contenuto

Unione Europea, accordo per limitare le importazioni agricole dall’Ucraina

L’UE ha concordato di limitare le importazioni di alcuni prodotti agricoli ucraini esenti da dazi a partire da giugno, in risposta alle proteste degli agricoltori europei.

Credit © Rajeev Ramdas

Dopo un periodo di tensioni e proteste da parte degli agricoltori europei, l’Unione Europea ha raggiunto un accordo per limitare le importazioni di alcuni prodotti agricoli provenienti dall’Ucraina. Questa decisione, che entrerà in vigore a giugno, è stata presa in risposta alle accuse di concorrenza sleale mosse dagli agricoltori del blocco, che lamentavano l’afflusso di prodotti agricoli ucraini esenti da dazi doganali.

L’accordo prevede l’introduzione di meccanismi di salvaguardia per prodotti sensibili come uova, pollame, zucchero, avena, mais e miele. Questi prodotti sono stati al centro delle preoccupazioni degli agricoltori europei, che vedevano minacciata la propria competitività sul mercato a causa delle importazioni a dazio zero. Il regime di esenzione dai dazi era stato introdotto nel 2022 come misura di sostegno all’Ucraina in seguito all’invasione russa, ma ora verranno introdotte misure correttive per evitare perturbazioni significative del mercato.

Il meccanismo di salvaguardia prevede una limitazione dei volumi di importazione di questi prodotti ai livelli medi importati dall’UE nel 2022 e nel 2023, oltre i quali verranno reimposti i dazi doganali. Prodotti come grano e orzo non sono inclusi tra quelli soggetti alle nuove restrizioni. La decisione è stata presa anche in seguito alle proteste degli agricoltori in diverse parti d’Europa, con particolare rabbia in Polonia, dove gli agricoltori hanno bloccato i valichi di frontiera con l’Ucraina.

La Commissione europea aveva proposto di rinnovare l’esenzione dai dazi doganali prevedendo però “misure correttive” che potrebbero essere adottate rapidamente in caso di “perturbazioni significative” del mercato, anche se ciò riguarda solo “un singolo Stato membro”. L’accordo raggiunto rinnova per un anno l’esenzione dai dazi concessa dal 2022 a Kiev ma con “meccanismi di salvaguardia” mirati ad alcuni prodotti sensibili.

Gli agricoltori dell’UE accusano l’afflusso di prodotti ucraini di abbassare i prezzi locali e quindi di costituire concorrenza sleale. Inoltre, i lavoratori del settore agricolo europeo parlano di concorrenza “sleale” anche per il non rispetto di determinati standard riguardanti in particolare le dimensioni delle aziende agricole o l’uso di prodotti. La questione delle importazioni agricole dall’Ucraina è stata oggetto di ampio dibattito e ha catalizzato l’attenzione generale, con manifestazioni e proteste che hanno animato strade e piazze in diversi Paesi europei.

Per ricevere in anteprima le notizie scarica GRATIS la nostra App

Meteo, polveri del Sahara tornano in Italia: cosa sono e i rischi per chi le respira
La polvere del Sahara è tornata in Italia, portando con sé rischi per la salute umana. Scopriamo cosa sono e come possono influire sulla nostra salute.
continua a leggere...
Meteo, torna la polvere sahariana: ecco quando
Una nuova ondata di polvere sahariana è prevista sull'Italia, con concentrazioni maggiori attese tra giovedì e domenica.
continua a leggere...
Meteo, ondata di caldo intenso in arrivo: temperature fino a oltre 40°C
Un'intensa ondata di caldo sta per colpire l'Italia a partire dal weekend, con un aumento delle temperature che raggiungeranno picchi superiori ai 40°C da metà della prossima settimana. Anche il Nord non sarà risparmiato dal caldo afoso.
continua a leggere...